Niente sushi. Questa è Art Aquarium

In Italia ci proteggiamo dalle iatture con il famoso cornetto rosso partenopeo. In Giappone, dove anziché difendersi dalla sfiga preferiscono invocare la fortuna, l’amuleto simbolo di prosperità è il famoso pesciolino rosso: il Kingyo.

Così dopo aver dominato con sushi e sashimi, il pesce ora ci racconta perché nella sua versione red è un insostituibile alleato del successo, e lo fa in grande stile. Sì perché il piccoletto (un tempo era una tale rarità che solo i potenti e i governanti ne possedevano uno) è il protagonista di una mostra affascinante, assolutamente efficace nell’evocare la cultura del Sol Levante.

Art Aquarium, firmata dall’artista giapponese Hidetomo Kimura, esce per la prima volta dai confini del Giappone e approda a Milano. E va ad arricchire il panorama degli eventi milanesi che fanno da cornice al grande Expo2015.

“In Art Aquarium c’è la bellezza creata dalla natura. Il Kingyo è segno della provvidenza, e spero che attraverso l’incontro con questo pesce elegante, i visitatori avranno la possibilità di capire meglio il rapporto tra uomo e natura” spiega l’artista Hidetomo Kimura.

Le vasche d’acqua, installazioni monumentali di Art Aquarium, sono vere opere d’arte che grazie alle danze acquatiche e sinuose del pesce  rosso prendono vita in un mix di musiche, luci e profumi. La più imponente è Oiran (cortigiana), ispirata ai quartieri di piacere del periodo Edo, contiene mille pesci rossi. Le Oiran erano donne colte ed eleganti con interesse per l’arte, la musica e la poesia, che vivevano isolate dalla società.

Oiran, Art Aquarium

Oiran, Art Aquarium

Un’altra installazione che riflette la tradizione nipponica è Kimonorium, ispirata all’arte manifatturiera del kimono KyoYuzen: una vasca bidimensionale con giochi di luce e proiezioni.
La grande vasca Ooku, larga tre metri, evoca l’harem all’interno del Castello di Edo (architettura militare di Tokyo, città anticamente chiamata Edo): luogo d’incontri di mogli, figlie e concubine.

Giyamanrium è ispirata ai diamanti e al vetro del periodo Edo, con luci e colori che fanno brillare la vasca e i pesci rossi al suo interno.
I richiami dell’allestimento della mostra alla cultura giapponese sono infiniti: altre installazioni riproducono i famosi giardini giapponesi, la luce delle lanterne come nella vasca Bonborium, e i fiori di ciliegio nella vasca Sakura-rium.

Venini, prestigioso marchio veneziano specializzato nella lavorazione del vetro, ha realizzato per Hidetomo Kimura la boccia Kingyo, la cui forma e colorazione sono ispirate alla forma flessuosa del pesce rosso e al movimento sinuoso della sua pinna.

La mostra è un vero e proprio viaggio alla scoperta della cultura giapponese, una fusione tra design, tecnologia e tradizione che stupisce e coinvolge in un’esperienza sensoriale originalissima.

Per tutto il periodo di esposizione, la mostra è affiancata da un programma di appuntamenti: degustazioni, proiezioni cinematografiche, laboratori artistici per bambini e molto altro, per celebrare la cultura del Giappone, in particolare Kyoto, capitale dell’Impero del Sol Levante per più di un millennio fino al 1854.

 

New Edo, Art Aquarium

New Edo, Art Aquarium

Art Aquarium
29 maggio – 23 agosto

Circolo Filologico Milanese
Via Clerici 10,
Milano

Orari: dal lunedì al venerdì 11-19
Sabato e domenica 10-19
Night Aquarium: venerdì e sabato 19-23
Biglietto: 10 €

Come raggiungerlo:
MM1 fermata Cordusio, Duomo
MM3 fermata Duomo, Monte Napoleone
Tram 1, 12, 14, 2 fermata Broletto
Stazioni Bike sharing: Cusani, Dante – San Tomaso, Cordusio

Author: Redazione

La mente occulta. Il suo suono: il rumore della tastiera. Il suo aroma: il caffè. A litri.

Share This Post On

Pin It on Pinterest