Matisse, l’Oriente e i suoi colori

C’è grande attesa per la mostra dedicata a Matisse, allestita dal 4 marzo alle Scuderie del Quirinale, dal titolo Matisse Arabesque, un viaggio attraverso le suggestioni che l’Oriente offrì all’artista.

La stanza rossa, Henri Matisse

La stanza rossa, Henri Matisse

La révélation m’est venue d’Orient (la rivelazione mi è venuta da Oriente) scriveva Henri Matisse nel 1947 al critico Gaston Diehl.Una rivelazione che come testimoniano i quadri e i disegni dell’artista non esplode all’improvviso ma matura attraverso i frequenti viaggi in Oriente. “Davanti alle icone di Mosca ho capito l’arte bizantina”, ma non gli basta e corre a Monaco per ammirare un’esposizione sull’arte islamica. Ma l’ispirazione gli giunge anche dai numerosi soggiorni a Tangeri  dove acquista tappeti, ceramiche e stoffe. Gli arabeschi, i colori, le decorazioni offrono a Matisse una nuova via per sintetizzare le forme senza sacrificarne la bellezza; suggeriscono spazi più ampi che lo liberano dalle costrizioni formali, dal bisogno di prospettive e somiglianze in favore di una libertà di colore e di un’idea decorativa tutta orientale, al limite dell’astrazione. Colori usati non per descrivere la natura, ma per trasferire emozioni. Come promette questa mostra.

“Creare è proprio dell’artista; dove non c’è creazione, l’arte non esiste” Matisse

Curata da Ester Coen, la mostra Matisse Arabesque, allestita alle Scuderie del Quirinale, raccoglie un centinaio di opere del maestro. Un’opportunità unica per ammirare per la prima volta in Italia alcuni tra i suoi grandi capolavori, custoditi nei maggiori musei del mondo: Tate, MET, MoMa, Puškin, Ermitage, Pompidou, Orangerie, Philadelphia, Washington.

Pesci Rossi, Henri Matisse

Pesci Rossi, Henri Matisse

La mostra è accompagnata dal catalogo edito da Skira (www.skira.net),

MATISSE Arabesque
4 marzo- 21 giugno 2015

Scuderie del Quirinale
Via XXIV Maggio 16
Roma
www.scuderiequirinale.it

Orari:
da domenica a giovedì 10-20,
venerdì e sabato 10-22.30.

Biglietto:
12 euro

Skira

Author: Redazione

La mente occulta. Il suo suono: il rumore della tastiera. Il suo aroma: il caffè. A litri.

Share This Post On

Pin It on Pinterest