Ad Asolo la terza edizione del Premio Internazionale Biennale d’Arte

Un viaggio suggestivo nell’arte contemporanea, italiana e straniera: ad Asolo, in provincia di Treviso, dal 10 maggio al 15 giugno 2014, torna il Premio Internazionale Biennale d’Arte. In questa terza edizione saranno esposte le opere dei 200 finalisti del Premio, nelle sezioni pittura, scultura ed installazione, fotografia e grafica.

Benedetti Orsano Clara

Benedetti Orsano Clara

Grazie allo scambio con la Cheongju International Craft Biennale (Seoul), una sezione della manifestazione è dedicata all’arte contemporanea coreana, con artisti di diversa provenienza ed espressione: dalle performance con il fuoco ai vestiti di alta sartoria artigianale, dalla video arte alla pittura di grande formato.
Il Premio, durante il periodo di esposizione, sarà animato da eventi di arte e di spettacolo. Il clou della manifestazione è previsto per i giorni di inaugurazione e premiazione, sabato 10 e domenica 11 maggio, con un programma di concerti e performance.

Brilli Massimiliano, Pesce Red su braccio destro

Brilli Massimiliano, Pesce Red su braccio destro

Il termine di iscrizione per partecipare è il 28 marzo .Tante le novità di questa edizione, con maggiori premi e collaborazioni internazionali. Oltre ai primi premi assoluti (montepremi 35.000 euro), la partecipazione per i vincitori alla Biennale di Cheongju (Corea) e la pubblicazione delle opere nel CAM (Catalogo Arte Moderna). In palio anche una esposizione agli Istitituti Italiani di Cultura di Praga, Helsinki e Sidney.

Inoltre, aumenta il numero di artisti ammessi alla selezione finale (fino a 200) e la sezione scultura si apre anche alle installazioni
Le opere finaliste saranno esposte nelle seguenti location di Asolo (Treviso):
Ex Convento e Chiesa dei SS. Pietro e Paolo; Municipio; Palazzo della Ragione; Museo Civico; Villa Freja; Teatro Eleonora Duse; Torre Reata.
10 maggio – 15 giugno 2014

Nell’ambito della manifestazione anche due mostre interessanti: La resistenza della pittura e Giuliano Vangi, l’enigma della bellezza.
La prima, al Museo Civico di Asolo, riunisce i lavori di 13 maestri dell’arte contemporanea italiana che rappresentano “La resistenza della pittura”. L’esposizione, a cura di Giovanni Faccenda, raccoglie opere di Luca Alinari, Armodio, Vincenzo Balsamo, Claudio Bonichi, Alfonso Borghi, Ennio Calabria, Sandro Chia, Riccardo Licata, Giuseppe Modica, Antonio Pedretti, Antonio Possenti, Marcello Scuffi, Giorgio Tonelli.
Museo Civico, Asolo
10 maggio – 15 giugno 2014
La mostra dedicata allo scultore toscano Giuliano Vangi, in programma al Museo e Gipsoteca Antonio Canova di Possagno, ospita le opere di Giuliano Vangi, scultore figurativo di fama internazionale al quale nel 2002 è stato dedicato un museo in Giappone a Mishima, che dialogheranno idealmente con le opere di Antonio Canova conservate alla Gipsoteca di Possagno, in un confronto affascinante fra passato e presente.
La mostra, composta da sculture e disegni, come sempre nell’opera di Vangi, mette al centro la figura umana ritratta con forti connotazioni esistenziali ed espressionistiche, spesso ponendo il tema della lotta dell’uomo contemporaneo contro le avversità.
Museo e Gipsoteca A. Canova, Possagno (Tv)
10 maggio – 15 giugno 2014

Premio Internazionale Biennale d’Arte di Asolo
infobiennale@itacagallery.com
www.biennaleasolo.org

Author: Mara Locatelli

Share This Post On

Pin It on Pinterest