Alta Badia: ultime sciate con Sommelier in pista

In Alta Badia le ultime sciate della stagione sono all’insegna delle proposte enogastronomiche. Diversi gli appuntamenti di fine stagione da non perdere: da “Sommelier in pista” (9 e 16 marzo) a Roda dles Saus (12-19 marzo), un safari sugli sci alla scoperta dei piatti tradizionali della cucina ladina, fino al De dl vin – Wine Skisafari di domenica 19 marzo, un’intera giornata dedicata ai migliori vini dell’Alto Adige sulle piste dell’Alta Badia.

sommelier in pista

Sommelier on the slopes _ Freddy Planinschek

In Alta Badia la stagione sciistica si conclude all’insegna della buona cucina. Tre gli eventi in programma che contribuiscono a valorizzare il connubio vincente tra lo sci e la gastronomia. Eccoli:

Sommelier in pista.
L’evento Sommelier in pista vuole valorizzare e far conoscere ulteriormente i migliori vini dell’Alto Adige. Gli ultimi due appuntamenti sono in programma per il 9 e 16 marzo e prevedono favolose sciate sulle piste dell’Alta Badia, abbinate alla degustazione di alcuni vini tra i più pregiati dell’Alto Adige, presso alcune baite. I partecipanti saranno accompagnati da un’esperta guida sciistica locale, nonché da un sommelier dell’Alto Adige. Gli eventi sono organizzati in collaborazione con IDM, il Consorzio Vini Alto Adige e l’Associazione Sommelier Alto Adige.
(Per partecipare a Sommelier in pista ad un costo di 25,00€ è necessario prenotare presso gli uffici turistici dell’Alta Badia).

Roda dles Saus.
Ritorna anche quest’inverno la Roda dles Saus: un’intera settimana sarà infatti dedicata alla cucina e cultura ladina nell’area sciistica Skitour La Crusc. Sciando di baita in baita si potranno assaporare i piatti che nascono nel cuore delle Dolomiti, abbinati ai migliori vini dell’Alto Adige. La cucina ladina, semplice ma genuina, è infatti al centro dell’attenzione presso i rifugi all’interno dell’area sciistica Skitour La Crusc. Ognuno di questi è specializzato nella preparazione di un piatto ladino, cucinato seguendo passo passo la ricetta della nonna.
Autenticità dunque non solo nei paesaggi, ma anche nei piatti tipici. Baciato dal sole, il tour gastronomico sugli sci offre panorami mozzafiato in una vasta conca di boschi e masi ladini. Da non perdere uno sguardo sulla chiesa parrocchiale di Badia, sulla casa natale del Santo Freinademetz e sulle tradizionali “viles”, i masi di Fussé, Coz e Pransarores, prima di giungere alla suggestiva chiesetta Santa Croce ai piedi dell’omonimo monte. Lo Skitour Santa Croce, raggiungibile sci ai piedi dal Piz La Villa, è un’escursione adatta a tutta la famiglia.
Le specialità ladine possono essere degustate dal 12 al 19 marzo 2017 presso le baite aderenti.

De Dl Vin – Wine Skisafari.
Domenica 19 marzo 2017, l’Alta Badia porta i migliori vini altoatesini in quota per una degustazione esclusiva, la quale si terrà dalle ore 10 alle ore 15.30, presso i rifugi Piz Arlara, Bioch, I Tablà e Pralongiá. Si vuole così concludere in bellezza la stagione invernale, dedicata all’enogastronomia.
Proprio i vini dell’Alto Adige si distinguono per la loro eccellente qualità, grazie ad un clima favorevole, un terreno fertile e all’amore dei viticoltori. Il vino dell’Alto Adige svolge un ruolo chiave all’interno delle iniziative legate alla gastronomia in Alta Badia. E questo non solo presso ristoranti o rifugi. Con la settima edizione del WINE SKISAFARI, l’Alta Badia vuole, infatti, dedicare un’intera giornata ai vini dell’Alto Adige, portandoli a 2000 metri di altezza per una degustazione unica. Per gli amanti del vino, l’evento rappresenta un piacevole viaggio sugli sci, alla scoperta della grande varietà di vini del territorio. Ai partecipanti verrà inoltre offerta la possibilità di degustare lo speck dell’Alto Adige. Il tutto accompagnato da intrattenimento musicale presso le singole baite.
(I biglietti per la degustazione vini si possono acquistare a 30 Euro, direttamente presso i quattro rifugi).

Per informazioni:
www.altabadia.org

Author: Redazione

La mente occulta. Il suo suono: il rumore della tastiera. Il suo aroma: il caffè. A litri.

Share This Post On

Pin It on Pinterest